FAQ al Bando di concorso a.a. 2020/21

Ultima modifica

1.   ERSU di Palermo e diritto allo studio

1.1.  Cos’è il diritto allo studio?

Nell’ordinamento italiano, il diritto allo studio è un diritto soggettivo che trova il suo fondamento nei comma 3 e 4 dell’art. 34 della Costituzione: “I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso“.

1.2.  Cosa sono gli Enti per il diritto allo studio?

Sono Enti pubblici che attuano gli interventi per il diritto allo studio universitario destinati agli studenti delle Università e delle altre istituzioni universitarie (Accademie BB.AA. e Conservatori di Musica).

1.3.  Cos’è l’ERSU Palermo?

L’ERSU Palermo è un Ente della Regione Siciliana che attua gli interventi per il diritto allo studio universitario destinati agli studenti dell’Università degli Studi di Palermo, della LUMSA di Palermo – Dipartimento di Giurisprudenza, dell’Accademia BB.AA. di Palermo, dell’Accademia BB.AA. “Michelangelo” di Agrigento, dell’Accademia BB.AA. e del Restauro “ABADIR” di San Martino delle Scale, dell’Accademia BB.AA. “Kandinskji” di Trapani, del Conservatorio di Musica “Scarlatti” di Palermo (già “V. Bellini”), del Conservatorio di Musica “Scontrino” di Trapani e dell’Istituto di Studi Musicali “Toscanini” di Ribera.

1.4.  Quali sono gli interventi attuati dall’ERSU Palermo per l’a.a. 2020/21?

Gli interventi attuati dall’ERSU di Palermo, attribuiti per concorso e rivolti agli studenti e alle studentesse “capaci e meritevoli, privi di mezzi”, sono:

  • borse di studio e borse di studio riservate alle persone con disabilità grave di cui all’art. 3 comma 3 della L. 104/1992 o con invalidità pari o  superiore  al  66%; agli stranieri provenienti da paesi extracomunitari particolarmente poveri; ai rifugiati politici, aventi diritto alla protezione internazionale; ai figli di emigrati siciliani all’estero; agli orfani di vittime di mafia; alle vittime dell’usura e/o ai figli di vittime dell’usura; ai residenti nelle isole minori siciliane; agli orfani o privi della responsabilità genitoriale a seguito di provvedimento del Tribunale che dimostrano di essere ospiti o essere stati ospiti in  una struttura di accoglienza, pubblica o privata;
  • altri contributi economici per mobilità internazionale incoming, per laureati (premio di laurea)
  • servizio abitativo (posti letto presso le residenze universitarie dell’Ente per gli studenti fuori sede).

Gli interventi attuati, attribuiti extraconcorso e rivolti alla generalità degli studenti, sono:

  • servizi ristorazione (pasti presso le mense universitarie dell’Ente);
  • servizi culturali (contributi monetari per l’acquisto di abbonamenti ai teatri, altro);

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

 

2.   Bando di concorso per l’attribuzione di borse e servizi per il diritto allo studio universitario 

2.1.  Chi può partecipare al concorso?

Possono partecipare al concorso gli studenti e le studentesse, in possesso dei requisiti economici e di merito previsti dal bando, iscritti o che intendono iscriversi ai corsi di laurea, compresi i corsi di dottorato di ricerca e di specializzazione purché non retribuiti, delle seguenti Istituzioni universitarie:

  • Università degli Studi di Palermo
  • LUMSA di Palermo, Dip. di Giurisprudenza
  • dell’Accademia BB.AA. di Palermo
  • Accademia BB.AA. “Michelangelo” di Agrigento
  • Accademia BB.AA. e del Restauro “ABADIR” di San Martino delle Scale
  • Accademia BB.AA. “Kandinskji” di Trapani
  • Conservatorio di Musica “A. Scarlatti” di Palermo (già “V. Bellini”)
  • Conservatorio di Musica “Scontrino” di Trapani
  • Istituto di Studi Musicali “Toscanini” di Ribera.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando. 

2.2.  Gli studenti e le studentesse non immatricolati o che ancora non hanno sostenuto il test per l’ammissione ai corsi di laurea a numero programmato possono partecipare al concorso?

Si. In caso di assegnazione di benefici, la loro richiesta rimarrà “sospesa” fino all’avvenuta immatricolazione. 

2.3.  Gli studenti e le studentesse che sosterranno due o più test per l’ammissione ai corsi di laurea a numero programmato, quante richieste di borsa di studio dovranno presentare?

Una solamente.

2.4.  Come partecipare concorso?

Per partecipare al concorso occorrerà eseguire la seguente procedura affinché la richiesta di benefici sia ritenuta valida ai fini concorsuali:

  1. Accedere all’applicazione internet resa disponibile nella pagina personale dei servizi “ersuonline” del portale studenti (registrarsi al primo accesso – le credenziali sono rilasciate da UNIPA o accedere con le credenziali SPID);
  2. Compilare i campi obbligatori del form o confermare i campi precompilati;
  3. Confermare i dati inseriti, generare OTP e attendere SMS con codice per la validazione degli stessi (il codice OTP sarà inviato al numero di cellulare indicato in fase di registrazione al portale studenti);
  4. Validare i dati inseriti nella richiesta benefici inserendo nell’apposito campo (entro 60 minuti dalla ricezione) il codice OTP ricevuto via SMS (l’OTP inutilizzato entro 60 minuti non sarà più valido e sarà necessario generare un altro codice).

 ATTENZIONE:

  • Compilare la richiesta entro le ore 14:00 del 4 settembre 2020;
  • Validare la richiesta entro le ore 15:00 del 4 settembre 2020.

 Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando (consultare anche la Guida alla compilazione della domanda di borsa di studio).

  

2.5.  Come regolarizzare la richiesta di partecipazione al concorso?

Dopo aver validato la richiesta nelle modalità di cui al punto 2.4., affinché la stessa sia ritenuta valida ai fini concorsuali, è necessario regolarizzarla (entro i termini indicati da bando) eseguendo la seguente procedura:

  1. Accedere all’applicazione internet predisposta dall’Ente nel sito istituzionale http://ersuonline.ersupalermo.it, con le credenziali rilasciate dall’Università o con SPID;
  2. Compilare online il form relativo all’acquisizione dei dati relativi alla singola documentazione aggiuntiva (ad esempio, per il documento d’identità, è necessario indicare data di rilascio, data di scadenza, comune che ha rilasciato il documento, ecc…);
  3. Scannerizzare ogni documento in un file pdf della dimensione massima di 2 MB, (es. copia fronte/retro del documento d’identità, certificazione che attesti invalidità, ecc…);
  4. Caricare (upload) il suddetto file pdf.

Nota informativa

I richiedenti benefici devono caricare (upload), tramite procedura online disponibile nell’apposita sottosezione denominata “FASCICOLO” all’uopo creata nella homepage dei servizi “ersuonline” del portale studenti, la documentazione aggiuntiva (singoli file in formato pdf) per la regolarizzazione della domanda di borsa di studio e che sarà ritenuta valida per l’accesso a tutti i benefici/servizi erogati dall’Ente.

Esempio:

  • copia fronte/retro del documento d’identità (TUTTI i partecipanti al concorso tranne coloro i quali hanno presentato la richiesta tramite SPID);
  • copia del permesso di soggiorno (per gli studenti stranieri)
  • copia della documentazione attestante l’invalidità (per chi richiede benefici riservati);
  • copia della sentenza di separazione/divorzio (per gli studenti con genitori separati/divorziati);
  • copia documentazione attestante la situazione reddituale/patrimoniale per ISEE parificato (per gli studenti con nucleo familiare all’estero);
  • altro (specificare).

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando (consultare anche la Guida alla compilazione della domanda di borsa di studio).

2.6.  Come rettificare una richiesta benefici già inviata?

Annullare la richiesta benefici inviata e ripetere l’intera procedura: l’ultima domanda validata con OTP sarà quella ritenuta valida ai fini del concorso. Scaduti i termini di compilazione di una nuova richiesta benefici, potranno essere effettuate rettifiche/integrazioni ai dati e alle dichiarazioni rese nella domanda di borsa di studio già inviata, presentando il “Modulo di rettifiche/integrazioni dati” nei tempi e nelle modalità previste dal bando.

2.7.  A chi rivolgersi per informazioni e/o eventuali chiarimenti sul bando?

All’Ufficio Relazioni con il Pubblico o all’Ufficio Concorsi e Benefici (tel. 091.6546050/6056/2104 email borse@ersupalermo.it).

2.8.  A chi rivolgersi per eventuali chiarimenti durante la compilazione o il caricamento (upload) online della richiesta benefici?

All’Ufficio Concorsi e benefici utilizzando esclusivamente il form disponibile (il link è attivo in fondo alla pagina personale del portale studenti) entro i termini indicati nel bando.

2.9.  A chi rivolgersi per eventuali problemi tecnici durante la compilazione o il caricamento (upload) online della richiesta benefici?

All’Assistenza tecnica utilizzando esclusivamente il form disponibile (il link è attivo in fondo alla pagina personale del portale studenti) entro i termini indicati nel bando.

2.10.     A chi rivolgersi nel caso in cui non dovesse arrivare la email della ricevuta di avvenuta protocollazione della richiesta benefici?

All’Ufficio Relazioni con il Pubblico o all’Ufficio Concorsi e Benefici (tel. 091.6546050/6056/2104 email borse@ersupalermo.it).

2.11. La borsa di studio erogata dall’ERSU Palermo è incompatibile con altre borse di studio concesse da altri Enti pubblici o privati?

Si, ed è anche incompatibile con le collaborazioni universitarie (attività di part-time o di tutorato).

La borsa di studio erogata dall’ERSU di Palermo è compatibile, invece, con gli assegni per l’incentivazione delle attività di tutorato, nonché per le attività didattico-integrative, propedeutiche e di recupero, così come previsto dall’art. 3 co. 2 del D.M. 1047/2017.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

2.12. Cosa fare nel caso in cui si dovesse svolgere attività di part-time e, contemporaneamente, risultare assegnatari di borsa di studio?

Scegliere una delle due: o proseguire le attività summenzionate, oppure, preferire la borsa di studio.

Gli assegnatari di borsa di studio che dovessero optare per la borsa di studio, avranno diritto al conguaglio tra l’importo della borsa dell’ERSU e quello ricevuto dall’istituzione universitaria. Essi dovranno presentare richiesta di conguaglio indicando le ore di attività svolte e la copia della rinuncia al lavoro part-time.

2.13. Possono partecipare al concorso i laureandi o i non laureati triennale che si iscriveranno al 1° anno della magistrale con riserva?

Si. In deroga a quanto previsto dal bando, possono partecipare al concorso:

  1. studenti laureandi che contano di laurearsi entro la sessione straordinaria relativa all’anno accademico 2019/20 (marzo-aprile 2021) e che non intendono iscriversi nell’a.a. 2020/21
  2. studenti non ancora laureati alla triennale ed iscritti con riserva al primo anno magistrale biennale

Agli assegnatari appartenenti alla categoria 1, i benefici, incluse le borse riservate, si intendono assegnati con riserva, in quanto verranno erogati soltanto se, nel caso di mancata laurea, si iscriveranno per l’A.A. 2020/21 al 1° anno FC; perdono il diritto coloro che conseguono la laurea entro la sessione straordinaria relativa all’anno accademico 2019/20 (marzo-aprile 2021) e non si iscriveranno per l’A.A. 2020/21.

Agli assegnatari appartenenti alla categoria 2, i benefici, incluse le borse riservate, si intendono assegnati con riserva, in quanto verranno erogati soltanto se, conseguita la laurea triennale, si iscriveranno per l’a.a. 2020/21 al primo anno della magistrale biennale.

I richiedenti benefici come laureandi, che hanno conseguito la laurea entro la sessione straordinaria relativa all’a.a. 2019/20 (marzo-aprile 2021) e che successivamente intendono proseguire gli studi e si iscrivono per l’a.a. 2020/21 al primo anno della laurea magistrale biennale, potranno rettificare la loro richiesta benefici (limitatamente alle informazioni relative alla carriera, da 1° anno fuori corso laurea triennale a 1° anno laurea magistrale biennale) entro il 30 aprile 2020 (comunicare avvenuta iscrizione a.a. 2020/21 al 1° anno magistrale biennale inviando email a uob1@ersupalermo.it).

I richiedenti benefici non ancora laureati alla triennale e iscritti con riserva al primo anno della magistrale biennale, che non hanno conseguito la laurea entro la sessione straordinaria relativa all’a.a. 2019/20 (marzo-aprile 2021) e che, conseguentemente, rinnovano l’iscrizione al 1° anno fuori corso della laurea triennale, potranno rettificare la loro richiesta benefici (limitatamente alle informazioni relative alla carriera, da 1° anno laurea magistrale a 1° anno fuori corso laurea triennale) entro il 30 aprile 2020 (comunicare avvenuta iscrizione a.a. 2020/21 al 1° anno fc triennale inviando email a uob1@ersupalermo.it).

2.14. Quali sono i requisiti di ammissione al concorso?

I requisiti di ammissione al concorso sono due:

  • Requisiti economico-patrimoniali, individuati sulla base dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente – ISEE e dell’Indicatore della Situazione Patrimoniale Equivalente – ISPE con specifico riferimento alle prestazioni per il diritto allo studio universitario (desunti dall’Attestazione ISEE);
  • Requisiti di merito, individuati dal numero di CFU (crediti formativi universitari), che sono valutati solamente per gli studenti iscritti ad anni successivi al primo.

I valori limite di ISEE e ISPE per partecipare al concorso sono:

. ISEE – Indicatore della Situazione Economica Equivalente          € 20.626,32

. ISPE – Indicatore della Situazione Patrimoniale Equivalente       € 51.361,58

I cfu minimi per partecipare al concorso sono riassunti nelle tabelle 5.1, 5.2, 5.3 e 5.4 in appendice al bando. Inoltre, sono resi disponibili durante la compilazione online della domanda di partecipazione al concorso.

ATTENZIONE: Per consentirne la partecipazione al concorso anche agli studenti che, in conseguenza delle difficoltà poste negli studi universitari dall’emergenza COVID, non sono riusciti a raggiungere il merito nell’a.a. 2019/2020, l’ERSU di Palermo ha adottato un bando unico con due linee di intervento (LINEA A e LINEA B… modalità procedurale proposta dall’ANDISU), per la gestione di tale misura straordinaria.

Limitatamente agli studenti e alle studentesse che intendono iscriversi per l’a.a. 2020/21 ad anni successivi al primo, possono fare domanda sulla:

  • Linea A coloro che sono in possesso del requisito di merito previsto dall’art. 9 del bando, ossia, hanno conseguito il numero di crediti previsti al10 agosto 2020 (come da tabelle 5.1, 5.2, 5.3 e 5.4 in appendice al bando);
  • Linea B coloro che sono in possesso del requisito di merito ridotto del cosiddetto “Bonus Covid”, ossia, hanno conseguito un numero di crediti ridotti rispetto a quelli previsti dalla LINEA A. In pratica, i cfu minimi per partecipare al concorso, riportati nelle tabelle di merito LINEA A (tabelle 5.1, 5.2, 5.3 e 5.4 in appendice al bando), sono ridotti di 5 cfu per gli iscritti UNIPA e LUMSA e di 10 cfu per gli iscritti AFAM.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

2.15. Quali sono i requisiti di ammissione al concorso per gli studenti con disabilità?

Fermo restando i requisiti economico-patrimoniali comuni per tutti gli studenti, alle persone in condizioni di disabilità grave di cui all’art. 3 comma 3 della L. 104/92 o con una invalidità pari o superiore al 66% o affetta da disturbi specifici dell’apprendimento, si applicano i criteri di merito previsti dal bando con una riduzione del 40%.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

2.16. A chi rivolgersi per il rilascio delle Attestazioni ISEE?

Ai Caf – Centri di Assistenza Fiscale.

2.17. Come deve essere l’Attestazione ISEE per partecipare al concorso?

L’Attestazione ISEE deve essere:

  • in corso di validità;
  • con specifico riferimento alle prestazioni per il diritto allo studio universitario;
  • priva di annotazioni relative a omissioni/difformità.

2.18. ­Cosa fare nel caso in cui, pur avendo richiesto l’Attestazione ISEE, non fosse stata rilasciata entro la scadenza del concorso?

In prossimità della scadenza dei termini per la partecipazione al concorso (dalle ore 9:00 del 30.8.2020) sarà possibile indicare, nella richiesta online, gli estremi della ricevuta rilasciata dal CAF (Protocollo Mittente/protocollo CAF) attestante l’avvenuta presentazione della DSU per il rilascio dell’attestazione ISEE.

I richiedenti sono tenuti però a comunicare all’Ente, durante il periodo previsto dal bando di presentazione della richiesta di rettifica/integrazione dati, pena l’esclusione dal concorso, il protocollo DSU dell’Attestazione ISEE rilasciata.

Lo studente che avrà compilato la domanda online indicando solo gli estremi della suddetta ricevuta e non avrà provveduto ad integrare le informazioni durante il periodo di presentazione delle richieste di rettifica/integrazione, sarà escluso dal concorso per la impossibilità di valutare il possesso delle condizioni economiche previste dal bando.

I richiedenti sono tenuti altresì a verificare se la veridicità e la correttezza dei dati inseriti nella DSU.

2.19. ­Cosa fare nel caso fossero state annotate omissioni e/o difformità nell’Attestazione ISEE?

Nei casi di omissioni o difformità, a pena esclusione dal concorso, il richiedente ha due alternative possibili:

1) presentare una nuova DSU, comprensiva delle informazioni in precedenza omesse o diversamente esposte (annullare e compilare una nuova richiesta benefici entro i termini previsti dal bando; oppure, compilare il modulo di rettifica/integrazione dati entro i termini previsti dal bando);

2) avvalersi della stessa attestazione ISEE recante l’annotazione delle omissioni o difformità. In tale ipotesi, il richiedente benefici dovrà integrare la domanda di borsa di studio con idonea documentazione per comprovare la completezza e veridicità dei dati indicati nella dichiarazione. La documentazione va richiesta esclusivamente dall’utente all’intermediario (Banca, Poste Italiane, ecc.) che ha comunicato i rapporti finanziari all’Agenzia delle Entrate.

2.20. ­Alcuni esempi di definizione del nucleo familiare ai fini del rilascio dell’Attestazione ISEE per le prestazioni per il diritto allo studio universitario?

  1. Studente che risiede con soggetti estranei al nucleo familiare convenzionale (ad es. nonni, zii, e/o altro), se non in possesso dei requisiti di “autonomia”, è “attratto” dal nucleo familiare d’origine;
  2. Dottorando ha la facoltà di dichiarare un nucleo familiare “ristretto” composto da se stesso, coniuge e figli, se presenti;
  3. Studente autonomo, viene riconosciuto se in possesso di entrambi i seguenti requisiti:
    • residenza esterna all’unità abitativa della famiglia di origine, da almeno due anni rispetto alla data di presentazione della domanda, in alloggio non di proprietà di un suo membro;
    • redditi da lavoro dipendente o assimilati fiscalmente dichiarati, da almeno due anni, non inferiori di norma a € 6.500,00 con riferimento ad un nucleo familiare di una sola persona.
  4. Studente coniugato non avente le condizioni per essere considerato “studente autonomo”, ai fini dell’accesso alle prestazioni per il diritto allo studio universitario, è “attratto” nel nucleo familiare di origine senza eventuali coniuge e/o figli (i redditi da lavoro dipendente o assimilati fiscalmente dichiarati, da almeno due anni, non inferiori di norma a € 6.500,00 saranno riferiti al nucleo familiare composto dallo studente e/o dal coniuge);
  5. Studente con figli non avente le condizioni per essere considerato “studente autonomo”, ai fini dell’accesso alle prestazioni per il diritto allo studio universitario, è “attratto” nel nucleo familiare di origine senza eventuali coniuge e/o figli.

Ai fini della corretta determinazione del nucleo familiare si rimanda a quanto previsto dalla normativa vigente.

2.21. Quali sono i requisiti economico-patrimoniali per gli studenti stranieri o italiani con nucleo familiare residente all’estero?

Lo studente straniero è tenuto a presentare il calcolo dell’ISEEU/ISPEU parificato (rivolgersi ai CAF per la determinazione) entro le ore 14:00 del 12 ottobre 2020 (termine ultimo delle rettifiche ed integrazione dati). In base alla nazione in cui sono prodotti i redditi ed è disponibile il patrimonio della famiglia d’origine, è necessario allegare, altresì, alla richiesta di Borsa di studio, la documentazione rilasciata dalle competenti Autorità del Paese, tradotta in italiano e legalizzata, se prevista. Lo studente straniero è sempre obbligato a dichiarare anche i redditi e il patrimonio eventualmente posseduti in Italia dal proprio nucleo familiare.

Lo studente straniero residente in Italia, senza redditi e patrimonio all’estero, essendo equiparato agli studenti italiani, dovrà essere in possesso dell’Attestazione ISEE per le prestazioni per il diritto allo studio universitario.

Qualora gli interessati, pur avendo richiesto il calcolo dell’ISEEU/ISPEU parificato, non siano in possesso dello stesso all’atto della compilazione della domanda, cinque giorni prima della scadenza dei termini per la partecipazione al concorso (dalle ore 9:00 del 30/8/2020 alle ore 14:00 del 4/9/2020), potranno indicare, durante la compilazione online della richiesta benefici, il solo codice fiscale del dichiarante ma dovranno comunque comunicare all’Ente, entro e non oltre le ore 14:00 del 12 ottobre 2020 (termine previsto dal bando per la presentazione delle rettifiche/integrazioni dati dichiarati), a pena esclusione dal concorso, i valori ISEEU/ISPEU parificato.

Lo studente straniero è sempre obbligato a dichiarare anche i redditi e il patrimonio eventualmente posseduti in Italia dal proprio nucleo familiare. Lo studente straniero residente in Italia, senza redditi e patrimonio all’estero, essendo equiparato agli studenti italiani, dovrà essere in possesso dell’Attestazione ISEE per le prestazioni per il diritto allo studio universitario.

Ai fini della corretta determinazione del nucleo familiare si rimanda a quanto previsto dalla normativa vigente.

2.22. Quali sono i motivi di esclusione dal concorso senza possibilità di rettifica/integrazione dati?

Sono esclusi dal concorso gli studenti che, pur essendo in possesso dei requisiti economici e di merito previsti:

  • sono in possesso di titolo di studio di livello pari o superiore al corso di studio di nuova iscrizione e per il quale richiedono benefici;
  • si iscrivono a tempo parziale;
  • si iscrivono o si sono iscritti per abbreviazione corso;
  • frequentano corsi singoli;
  • non sono in possesso dei requisiti di merito ed economico-patrimoniali previsti dal bando;
  • hanno già usufruito di benefici per lo stesso anno di corso;
  • hanno effettuato più di una rinuncia agli studi per lo stesso anno di corso.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

2.23. Quali sono i motivi di esclusione da concorso con possibilità di rettifica/integrazione dati e cosa fare?

Sono esclusi dal concorso gli studenti che, pur essendo in possesso dei requisiti economici e di merito previsti:

  1. hanno autocertificato dati che risultino difformi da quanto riscontrabile nei documenti allegati e dalle banche dati;
  2. hanno presentato attestazione ISEE irregolare (scaduta, non valida per le prestazioni per il diritto allo studio universitario, con modalità di calcolo errata, con annotazioni relative a omissioni/difformità e priva di documentazione per comprovare la completezza e veridicità dei dati indicati nella DSU nei casi di attestazione ISEE con omissioni/difformità);
  3. risultino morosi, ossia, studenti ai quali siano stati revocati benefici per anni accademici precedenti e che non abbiano provveduto alla restituzione delle somme percepite (Borsa di studio e altri benefici monetari e non).

Sono ammessi  al concorso gli studenti che hanno presentato, nei tempi e nelle modalità previste  dal bando, il “Modulo di rettifica/integrazione dati”, sanando la irregolarità rilevata:

  1. rettificano/regolarizzano i dati autocertificati nella domanda di borsa di studio risultanti difformi da quanto riscontrabile nei documenti allegati e dalle banche dati;
  2. provvedono al pagamento (saldo) della morosità rilevata, ossia, provvedono alla restituzione delle somme percepite (Borsa di studio e altri benefici monetari e non).

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

2.24. ­Nel calcolo dei crediti ai fini della determinazione del requisito di merito per la partecipazione al concorso, quali CFU sono considerati validi? E quelli non validi?

Sono considerati validi ai fini della determinazione del requisito del merito:

  • i cfu derivanti da esami e attività formative, anche se superate con giudizio o idoneità, purché registrati sul piano di studi con data non successiva al 10 agosto dell’anno di riferimento;
  • i cfu conseguiti all’estero nell’ambito dei programmi di mobilità internazionale a.a. 2019/20, entro il 10.8.2020, o i tirocini conclusi entro il 10.8.2020, anche se convalidati e/o registrati con data successiva a quella prevista dal bando.

Non sono considerati validi ai fini della determinazione del requisito del merito tutti i cfu derivanti da:

  • carriere decadute o rinunciate;
  • moduli non ancora chiusi e/o corsi integrati incompleti;
  • corsi singoli;
  • debiti formativi;
  • per i corsi di laurea UNIPA_Scuola di Medicina e Chirurgia, gli insegnamenti del gruppo ADO e i relativi CFU sostenuti in sovrannumero rispetto a quelli obbligatori previsti dall’offerta formativa (9 cfu) non saranno presi in considerazione ai fini del merito;

Non saranno presi in considerazione, inoltre:

  • i crediti provenienti da materie sostenute in corsi singoli;
  • i crediti a qualsiasi titolo sostenuti/convalidati registrati sul piano di studio in annualità non coerente con l’anno di corso (es. studente o studentessa che si iscriverà al 2° anno, non può prendere in considerazione esami registrati sul piano di studio al 3° anno, anche se sostenuti entro il 10 agosto);
  • pregressa carriera universitaria (cfu eventualmente convalidati o dispensati);
  • attività formative non registrati sul piano di studi alla data del 10 agosto 2020.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

2.25. Quali CFU sono­ considerati validi ai fini della determinazione del requisito di merito per coloro i quali effettuano o intendono effettuare passaggio di CdL o di ordinamento?

Quelli risultanti dalla carriera di provenienza entro la data del 10 agosto dell’a.a. 2019/20.

2.26. Possono partecipare al concorso gli studenti e le studentesse in possesso della laurea triennale che si iscrivono ad un corso di laurea magistrale a ciclo unico?

Si, a condizione che per il corso in questione sia stata abolita la laurea magistrale, usufruendo dei benefici per due anni più l’ulteriore semestre ad iniziare dal quarto anno di corso. I partecipanti al concorso dovranno scegliere nella domanda di borsa di studio l’opzione “prosecuzione laurea”.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

2.27. Cos’è il “bonus”?

Sono dei crediti aggiuntivi, che si maturano durante la carriera universitaria, utilizzabili ai fini del raggiungimento del requisito di merito necessario per la partecipazione al concorso.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

  

3.   Borsa di studio e altri contributi

3.1.    Cosa sono gli “Elenchi dei partecipanti”?

L’ERSU non fornisce direttamente al domicilio degli studenti alcun avviso sull’esito del concorso, pertanto, nei termini indicati nel bando, pubblica sul sito istituzionale gli elenchi di tutti i partecipanti al concorso con esito della fase istruttoria. Nelle note sono indicati i motivi della eventuale esclusione o sospensione.

3.2.    Come sanare eventuali irregolarità notificate negli “Elenchi dei partecipanti”?

Eventuali rettifiche/integrazioni ai dati personali o alle dichiarazioni rese potranno essere effettuate presentando nelle modalità e nei termini previsti dal bando, il “Modulo di rettifica/integrazione dati” (l’applicazione è disponibile nella pagina personale ERSU del portale studenti). Il suddetto modulo si potrà utilizzare anche per integrare la domanda di borsa di studio della documentazione mancante.

3.3.    Come e quando presentare il “Modulo di rettifica/integrazione dati”?

Con le stesse modalità indicate nel punto 2.4 ed utilizzate per presentare la domanda di borsa di studio (oramai, per tutte le richieste, l’Ente ha adottato il sistema OTP) dal 2 alle ore 14:00 del 12 ottobre 2020.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

3.4.    Dove sono pubblicate le graduatorie?

Sull’Albo online dell’Ente, sull’apposita sezione del portale “Amministrazione Trasparente” e sulla homepage del sito istituzionale.

3.5.    Quali sono i criteri per la formulazione delle graduatorie?

Per gli studenti di primo anno, tutti i benefici sono attribuiti sulla base di un’unica graduatoria (per ciascun beneficio), senza alcuna differenziazione per facoltà e corsi di studio, ordinata in modo decrescente di punteggio calcolato sulla base dell’ISEE. A parità di ISEE, la posizione in graduatoria é determinata in ordine crescente di ISPE e, successivamente, decrescente di età.

Per gli studenti iscritti ad anni successivi al primo, le graduatorie, relativamente alle borse di studio e ai posti letto, sono differenziate per istituzione universitaria, anno di corso e corso di laurea, definite in ordine decrescente di punteggio calcolato sulla base dei requisiti di merito (cfu, media aritmetica dei voti e numero di lodi). In caso di parità di merito, la posizione in graduatoria é determinata in riferimento al valore crescente di ISEE. A parità di ISEE prevale l’età anagrafica in ordine decrescente.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

3.6.    Quali sono i criteri di distribuzione/assegnazione delle borse di studio?

Le risorse economiche destinate alle borse di studio sono suddivise in funzione della qualità degli utenti, nel modo di seguito indicato:

  • per 1/3 agli studenti iscritti per la prima volta ai corsi di laurea triennale, laurea magistrale a ciclo unico, laurea magistrale biennale, specializzazione e dottorato di ricerca;
  • per 2/3 agli studenti iscritti al secondo anno e successivi dei corsi di laurea triennale, laurea magistrale a ciclo unico, laurea magistrale biennale, specializzazione e dottorato di ricerca. Le somme disponibili saranno ripartite tra gli studenti iscritti ad anni successivi al primo, in rapporto al numero degli studenti risultati iscritti alle istituzioni universitarie rientranti nel territorio di competenza dell’ERSU di Palermo (o in mancanza di tale dato in rapporto al numero degli studenti risultati idonei nelle graduatorie della borsa di studio), assicurando per ogni anno di corso di laurea almeno una borsa.

3.7.    Quali sono i criteri per determinazione degli importi della borsa di studio?

Gli importi della borsa di studio sono determinati in base all’ISEE e alla residenza degli studenti e studentesse rispetto al polo didattico frequentato (“in sede”, “pendolari” e “fuori sede”).

In linea generale:

. IN SEDE, se residenti nel comune o nell’area circostante la sede del corso di laurea cui sono iscritti;

. PENDOLARI, se residenti in un luogo che consente il trasferimento quotidiano presso la sede del corso di laurea cui sono iscritti o che comunque non dimostrano di prendere alloggio a titolo oneroso nei pressi di tale sede;

. FUORI SEDE, se residenti in un luogo distante dalla sede del corso di laurea cui sono iscritti e che per tale motivo alloggiano presso una residenza universitaria gestita dall’ENTE o dimostrano di prendere alloggio a titolo oneroso nei pressi di tale sede, per un periodo non inferiore a dieci mesi, utilizzando le strutture residenziali pubbliche o altri alloggi di privati o enti. Tale status deve comunque essere documentato nelle modalità e nei termini previsti dal bando.

3.8.    Cos’è la “Dichiarazione di locazione”?

E’ una dichiarazione resa dagli studenti e studentesse idonei di BS, con esclusione degli studenti che risultano “in sede” o “pendolari” in base alla residenza (i comuni di residenza sono individuati e riportati nel bando) e degli  assegnatari di posto letto,  per acquisire lo status di “fuori sede”. La stessa dovrà fare riferimento a un contratto di locazione regolarmente registrato che copra un periodo di almeno 10 mesi compreso fra il 1° Settembre dell’anno di riferimento e il 31 ottobre dell’anno successivo.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

3.9.    Come e quando presentare il “Dichiarazione di locazione”?

Con le stesse modalità indicate nel punto 2.4 ed utilizzate per presentare la domanda di borsa di studio (oramai, per tutte le richieste, l’Ente ha adottato il sistema OTP) dal 1° novembre 2020 alle ore 14:00 del 31 marzo 2021.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

3.10. Cosa hanno diritto gli assegnatari di borsa di studio?

Gli assegnatari di borsa di studio hanno diritto:

. al contributo monetario (borsa di studio);     

. all’esonero totale o parziale delle tasse universitarie (se previsto dall’istituzioni universitaria);

. al rimborso della tassa regionale per il diritto allo studio;

. all’accesso agevolato al servizio ristorazione (uno/due pasti gratuiti o con pagamento contributo).

3.11. Cosa hanno diritto gli idonei di borsa di studio?

Gli idonei di borsa di studio hanno diritto:

. all’esonero totale o parziale delle tasse universitarie (se previsto dall’istituzioni universitaria);

. al rimborso della tassa regionale per il diritto allo studio;

. all’accesso agevolato al servizio ristorazione (uno/due pasti gratuiti o con pagamento contributo).

3.12. Cosa sono le borse di studio riservate?

Sono delle borse di studio concesse a studenti e studentesse in possesso di specifici requisiti da documentare e allegare alla richiesta benefici.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

 

4.   Rimborso Tassa regionale per il diritto allo studio universitario

4.1.    Chi ha diritto al rimborso della Tassa regionale per il diritto allo studio universitario?

Hanno diritto al rimborso:

  1. gli assegnatari/idonei di borsa di studio
  2. gli studenti e le studentesse che rientrano nei seguenti casi particolari:
  • doppio pagamento;
  • errato pagamento;
  • trasferimento presso altro Ateneo:
  • mancato perfezionamento dell’iscrizione universitaria;
  • laurea nella sessione straordinaria;
  • 28 comma 2 L.R. 20/2002 (ragazze madri con figli di età inferiore a cinque anni, persone con disabilità esonerate dalle rispettive Istituzioni Universitarie dal pagamento della tassa di iscrizione, coloro i quali prestano servizio militare o sostitutivo).

4.2.    Come richiedere il rimborso della Tassa regionale per il diritto allo studio universitario?

Agli assegnatari o idonei non assegnatari di borsa di studio,  il rimborso è effettuato d’ufficio nelle modalità e nei termini stabiliti dal bando di concorso benefici per l’a.a. di riferimento.

Coloro i quali rientrano nei casi particolari dovranno presentare la richiesta di rimborso, entro il termine di decadenza di tre anni a decorrere dal giorno del pagamento, utilizzando esclusivamente l’applicazione disponibile nella pagina personale dei servizi ERSU del portale studenti.

4.3.    Come presentare la richiesta di rimborso della Tassa regionale per il diritto allo studio universitario?

Con le stesse modalità indicate nel punto 2.4 ed utilizzate per presentare la domanda di borsa di studio (oramai, per tutte le richieste, l’Ente ha adottato il sistema OTP).

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal vigente Regolamento disponibile nell’apposita sezione “Atti generali” del portale “Amministrazione Trasparente” dell’Ente.

4.4.    A chi rivolgersi per informazioni e/o eventuali chiarimenti?

All’Ufficio Relazioni con il Pubblico (tel. 091.654 6050/6056/2104 email borse@ersupalermo.it).

 

5.   Servizio abitativo

5.1.    Cos’è il posto letto?

Tutti i partecipanti al bando di concorso “fuori sede”, oltre alla “borsa di studio”, possono richiedere l’assegnazione del posto letto presso una delle residenze universitarie gestite dall’ERSU Palermo.

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia al bando di concorso.

5.2.    Come fare la richiesta di posto letto?

La richiesta di posto letto è contestuale alla domanda di borsa di studio (selezionare il beneficio durante la compilazione online della partecipazione al concorso).

5.3.    Come fare l’accettazione del posto letto?

Con le stesse modalità indicate nel punto 2.4 ed utilizzate per presentare la domanda di borsa di studio (oramai, per tutte le richieste, l’Ente ha adottato il sistema OTP).

L’accettazione del posto letto, validata mediante OTP ed inviata esclusivamente online, ai fini concorsuali deve essere regolarizzata.

I richiedenti servizio abitativo devono caricare (upload), tramite apposita procedura online disponibile in un’apposita sottosezione denominata “FASCICOLO” all’uopo creata nella homepage dei servizi “ersuonline” del portale studenti, la documentazione aggiuntiva (singoli file in formato pdf) per la regolarizzazione della domanda di borsa di studio e che sarà ritenuta valida per l’accesso a tutti i benefici/servizi erogati dall’Ente.

Documentazione da caricare:

  1. atto di accettazione dell’alloggio, con l’impegno a rispettare il regolamento delle Residenze Universitarie sottoscritto dallo studente;
  2. certificato medico rilasciato dal medico di famiglia (convenzionato con S.S.N.) o da una qualsiasi ASP (ex ASL) in data non anteriore a 3 mesi, attestante che il richiedente (studente) non soffra di malattie che pregiudichino la convivenza in comunità;
  3. ricevuta di avvenuto versamento della retta alloggio, se dovuta;
  4. fotocopia del permesso di soggiorno per gli studenti extracomunitari o copia dell’avvenuto versamento per il suo rinnovo.

Le modalità di accettazione del posto letto e le scadenze sono contenute nel bando di concorso.

5.4.    Cos’è la manifestazione d’interesse al posto letto?

Tutti gli idonei non assegnatari di posto letto, sia di primo anno che di anni successivi, dovranno manifestare, nei tempi e nelle modalità previste dal bando, il loro reale interesse all’assegnazione del posto letto nel caso in cui dovesse scorrere la graduatoria.

L’interesse all’assegnazione del posto letto dovrà essere manifestato esclusivamente online tramite applicazione disponibile nella pagina personale servizi “ersuonline” del portale studenti, accessibile dal sito istituzionale dell’Ente www.ersupalermo.it.

5.5.    Come presentare la manifestazione d’interesse al posto letto?

Con le stesse modalità indicate nel punto 2.4 ed utilizzate per presentare la domanda di borsa di studio (oramai, per tutte le richieste, l’Ente ha adottato il sistema OTP).

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando.

5.6.    L’elenco dei nuovi assegnatari per scorrimento della graduatoria posto letto dove sarà pubblicato?

L’elenco dei nuovi assegnatari di posto letto per scorrimento graduatoria posto letto anni successivi sarà reso noto tramite avviso pubblicato su Albo online del sito istituzionale.

5.7.    Quali sono le Residenze Universitarie dell’ERSU Palermo?

Le Residenze Universitarie dell’ERSU Palermo sono:

  • Residenza Universitaria ‘Santi Romano’, Viale delle Scienze, Edificio 1 – Palermo
  • Residenza Universitaria ‘San Saverio’, Via Giovanni di Cristina n. 7 – Palermo
  • Residenza Universitaria ‘Casa del Goliardo’, Vicolo Sant’Uffizio n. 13/15 – Palermo
  • Residenza Universitaria ‘Casa Biscottari’, Via dei Biscottai n. 12 – Palermo
  • Residenza Universitaria ‘Schiavuzzo’, Via Schiavuzzo n. 24 – Palermo
  • Residenza Universitaria ‘SS. Nunziata’, Piazza Casa Professa n. 22 – Palermo
  • Residenza Universitaria ‘Ex Convento San Domenico’, Via San Domenico n. 45 – Caltanissetta

5.8.    A chi rivolgersi per informazioni e/o eventuali chiarimenti sul servizio abitativo?

All’Ufficio Residenze (tel. 091.6543101 email residenze@ersupalermo.it).

 

6.   Servizio ristorativo

6.1.    Cos’è il servizio ristorativo?

Il servizio ristorativo è un servizio, erogato extraconcorso, rivolto alla generalità degli studenti.

Tutti gli studenti iscritti alle istituzioni universitarie operanti sul territorio di competenza dell’ERSU di Palermo  possono accedere alle mense universitarie (consumare pasti) tramite apposita app “MyUniAPP”.

6.2.    Chi non ha partecipato al concorso benefici come può richiedere accesso al servizio ristorativo?

Chi non ha partecipato al concorso benefici può richiedere accesso al servizio compilando ed inviando la richiesta, esclusivamente online, entro il 30 giugno di ogni anno. L’applicazione online è disponibile nella pagina personale servizi “ersuonline” del portale studenti, accessibile dal sito istituzionale dell’Ente www.ersupalermo.it.

Attenzione: è necessario essere in possesso dell’Attestazione ISEE, in corso di validità, per le prestazioni per il diritto allo studio universitario (in funzione del valore ISEE dichiarato sarà attribuita la fascia di reddito e l’importo da pagare per il pasto da consumare).

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal vigente regolamento disponibile nell’apposita sezione di “Amministrazione trasparente” del sito istituzionale.

6.3.    Come presentare la richiesta di accesso/rinnovo al servizio ristorativo?

Con le stesse modalità indicate nel punto 2.4 ed utilizzate per presentare la domanda di borsa di studio (oramai, per tutte le richieste, l’Ente ha adottato il sistema OTP).

Per ogni ulteriore dettaglio si rinvia a quanto previsto dal bando e dal vigente regolamento.

6.4.    Quali sono le Mense Universitarie dell’ERSU Palermo e gli orari di apertura?

Le  Mense Universitarie dell’ERSU Palermo attualmente attive sono:

  • “Santi Romano”, Viale delle Scienze ed. 1 (interno omonima R.U.) – Palermo
  • “San Saverio”, Via Giovanni di Cristina n. 7 (interno omonima R.U.) – Palermo
  • “Ospedale Civico”, Piazza Nicola Leotta n. 4 (interno pad. 19 Ospedale Civico) – Palermo
  • “SS. Nunziata”, Piazza Casa Professa n. 22 (interno omonima R.U.) – Palermo

Sono inoltre attivi i seguenti punti di ristorazione nelle città di Trapani, Agrigento e Caltanissetta (servizio erogato dall’ERSU Palermo attraverso apposita convenzione stipulata dalla COT Ristorazione, a cui è stata affidata la gestione del servizio ristorazione, con esercizio pubblici locali):

  • Il Pilota, presso la Stazione Marittima sita in Via Ammiraglio Staiti – Trapani
  • Don Chisciotte”, Via Mazzini, 14 – Agrigento
  • Sempre ghiottiVia delle industrie snc, Zona Industriale Aragona/Agrigento/Favara
  • Moulin RougeVia Leone XXIII, 30/32 – Caltanissetta
  • La Paglia” di Calcedonio La Paglia &c.Via L. Russo, 1 – Caltanissetta

Per gli orari di apertura consultare il sito istituzionale.

6.5.    A chi rivolgersi per informazioni e/o eventuali chiarimenti sul servizio ristorativo?

All’Ufficio Ristorazione (tel. 091.6545929 email ristorazione@ersupalermo.it).

 

 

7.   Restituzione borsa di studio e altri benefici concessi

7.1.    Come restituire la borsa di studio ed eventuali altri benefici concessi (es. posto letto e/o pasti consumati, ecc…)

Innanzitutto contattare il personale dell’URP o dell’Ufficio Concorsi e Benefici (tel. 091.6546050/6056/2104 email borse@ersupalermo.it) per la quantificazione della somma da restituire (es. importo prima rata di borsa di studio, retta del posto letto pasti consumati secondo fascia di appartenenza attribuita in base al valore ISEE dichiarato, ecc… ) e/o per concordare eventuale rateizzazione.

La restituzione dei benefici dovrà avvenire tramite servizio PagoPA, secondo le modalità previste dalla legge, collegandosi al link https://www.ersupalermo.it/amministrazionetrasparente/pagopa/ del sito istituzionale dell’Ente.

Causale: “Restituzione benefici a.a. xxxx/xx – Cognome e nome, matricola”.

Le eventuali spese di bonifico bancario sono a carico dello studente.

La copia della ricevuta dell’avvenuto versamento dovrà essere inviata via email a uob1@ersupalermo.it o alla email istituzionale del dipendente che ha istruito la pratica.

 

8.   Contatti

8.1.    Ufficio Relazioni con il Pubblico

Viale delle Scienze ed. 1, piano ammezzato Residenza Universitaria ‘Santi Romano’ – Palermo

Tel. 091.654 6050/6056/2104       email borse@ersupalermo.it

Il pubblico si riceve dal lunedi al venerdi dalle ore 9:00 alle ore 13:00; mercoledì dalle ore 15:00 alle ore  17:00

8.2.    Ufficio Concorsi e Benefici

Viale delle Scienze ed. 1, piano ammezzato Residenza Universitaria ‘Santi Romano’ – Palermo

email borse@ersupalermo.it

Il pubblico si riceve lunedi, mercoledì e venerdi dalle ore 9:00 alle ore 13:00; mercoledi dalle ore 15:00 alle ore 17:00

8.3.    Ufficio Residenze

Viale delle Scienze ed. 1, piano primo Residenza Universitaria ‘Santi Romano’ – Palermo

Tel. 091.6543101 email residenze@ersupalermo.it

Il pubblico si riceve lunedi, mercoledì e venerdi dalle ore 9:00 alle ore 13:00; mercoledi dalle ore 15:00 alle ore 17:00

8.4.    Ufficio Ristorazione

Viale delle Scienze ed. 1, piano ammezzato Residenza Universitaria ‘Santi Romano’ – Palermo

Tel. 091.654 5929 email ristorazione@ersupalermo.it

Il pubblico si riceve lunedi, mercoledì e venerdi dalle ore 9:00 alle ore 13:00; mercoledi dalle ore 15:00 alle ore 17:00

8.5.    Ufficio di Agrigento

Via Quartararo n. 6, piano terra interno ITG “Brunelleschi” (pressi Consorzio Universitario di Agrigento) – Agrigento

Tel. 091.6542104 email borse@ersupalermo.it

Il pubblico si riceve dal lunedi al venerdi dalle ore 9:00 alle ore 13:00; mercoledi dalle ore 15:00 alle ore 17:00

8.6.    Ufficio di Caltanissetta

Via San Domenico n. 45 (V.lo Medina), piano terra, interno Residenza Universitaria “Ex Convento San Domenico” – Caltanissetta

Tel. 091.654 9003 email borse@ersupalermo.it  

Il pubblico si riceve dal lunedi al venerdi dalle ore 9:00 alle ore 13:00; mercoledi dalle ore 15:00 alle ore 17:00.

 

Si raccomanda l’attenta lettura del bando!!!