Raccolta differenziata dei rifiuti. Il direttore dell’Ersu scrive agli studenti ospiti delle residenze universitarie

Da alcuni mesi l’Ersu ha avviato la raccolta differenziata dei rifiuti presso le residenze universitarie “Schiavuzzo”, “Casa del Goliardo” e “Hotel de France”, ricadenti nel territorio urbano dove vige l’obbligo in base all’ordinanza del sindaco di Palermo n. 307 del 22/11/2018.

Adesso, con una lettera indirizzata agli studenti il direttore dell’ERSU, Ernesto Bruno, evidenzia il passo evolutivo verso la realizzazione di un mondo ecosostenibile e di una cultura rispettosa dell’ambiente che impone, in collaborazione con la “RAP” (la società competente del Comune di Palermo) , di estendere il servizio a tutti gli altri plessi residenziali (per le residenze “SS. Nunziata” e “Biscottari” il servizio sarà attivato in tempi brevi).

Nei giorni scorsi, al “Santi Romano” ed al “San Saverio” sono stati posizionati lungo i corridoi o in prossimità di spazi comuni, i contenitori per il conferimento di: carta/cartone; vetro; plastica/metalli; umido/scarti alimentari e organici. Per quanto riguarda, invece, la frazione residua non riciclabile (i rifiuti che non sono conferibili nei precedenti quattro tipi di raccoglitori, come ad esempio rasoi usa e getta, pennarelli, cd, fazzoletti usati, assorbenti igienici, ecc…), gli ospite delle residenze potranno usare il cestino posto all’interno delle stanze assegnate.

L’Ersu chiede, quindi, di prestare la massima attenzione durante la separazione dei rifiuti e di ricordare di schiacciare le bottiglie di plastica o i cartoni per ridurne il volume.

Insomma, una riorganizzazione delle abitudini quotidiane di tutti gli studenti ospiti, sia per far funzionare al meglio il servizio, sia anche per evitare di essere sanzionati dall’autorità comunale preposta alla vigilanza sul conferimento dei rifiuti.

Per eventuali chiarimenti e/o ulteriori informazioni gli ospiti delle strutture possono rivolgersi direttamente ai referenti delle strutture ospitantie/o consultare la brochure informativa sulla raccolta differenziata prodotta dalla RAP.

Ti potrebbe interessare... More from author